Lunedì: Giannutri, l’isola di Diana! Estate 2021

Giannutri è la più meridionale delle isole dell’Arcipelago Toscano, conosciuta per le sue acque cristalline e i suoi panorami mozzafiato.

Dal 31 maggio con Percorsi Etruschi potrai esplorare l’isola di Giannutri ogni lunedì!

Giannutri è una delle isole più piccole del Parco dell’Arcipelago Toscano, ed è quasi interamente riserva integrale, e non si può accedere senza una guida. I traghetti normalmente effettuano servizio solo due volte a settimana (mercoledì e sabato), ma quest’estate è stata aggiunta anche la corsa del lunedì. Una corsa poco conosciuta, senza minicrociere e senza troppe pubblicità: significa che anche nei mesi più affollati dell’anno, l’isola potrà essere quasi completamente nostra!

Le guide di Percorsi Etruschi ti accompagneranno per una passeggiata alla scoperta del lato selvaggio e naturale Giannutri… e potrai rinfrescarti nelle meravigliose, fresche e limpide acque delle calette!

Prenota ora! i posti sono limitati

  • appuntamento ore 9.15 a Porto Santo Stefano
  • Partenza da Giannutri ore 16.00; rientro per le ore 17.00 circa a Porto Santo Stefano
  • costo 15€ + 30€ circa del traghetto
  • pranzo al sacco a cura dei partecipanti
  • indispensabile avere con sè: crema solare, cappello, costume, ciabatte per entrare in acqua e almeno un litro d’acqua a testa
  • prenotazioni via whatsapp al 327 4570748 o 320 3149587 o via email su [email protected] indicando nome, n. telefono e n. partecipanti
  • posti traghetto opzionati / parcheggio convenzionato
Scrivici
Il tuo nome
L'indirizzo a cui possiamo contattarti
Un numero di telefono a cui possiamo contattarti
Tipo di gruppo, periodo e tutto quello che ci può aiutare a creare il percorso perfetto per te

Giannutri, l’isola di Diana

Giannutri

Giannutri è la più meridionale delle isole dell’Arcipelago Toscano. Senza sorgenti d’acqua dolce, qui la vita naturale ha dei ritmi e dei colori completamente diversi da quelli a cui siamo abituati.
Collegata con la terraferma da un traghetto che effettua il servizio solo due volte a settimana, dopo un’ora di traversata – che già di per sé è un’avventura nell’avventura, non è raro infatti scorgere delfini! – arriveremo in una delle due calette dell’isola, in base al vento: una particolarità, questa dei due approdi, che ha reso quest’isola un luogo strategico anche in epoca romana!
Noi supereremo l’unico piccolissimo luogo abitato per addentrarci in un altro mondo, fatto di odori mediterranei, colori netti, suoni rilassanti. Il sentiero quasi pianeggiante attraversa una macchia bassa fatta di euforbia dalle foglie rossicce, bianco teucrio e rosmarino odoroso, accompagnati dalle voci dei gabbiani e dalla vista del mare, fino a giungere nei pressi del faro, su una scogliera nera che precipita nel blu delle onde…

⌚Tutto il giorno, dalle 9.30

📍 App. Porto Santo Stefano | Monte Argentario (GR) | informazioni
🚶‍♀️ Gruppi piccolissimi, max 12 persone, per tutti

📞  prenota ora chiedi info

📍informativa covid-19

05 – 07 apr 2019 Paradisi Terrestri per Le Vie dei Canti

Paradisi Terrestri Isola di Giannutri e Argentario

Date viaggio: 05 apr 2019 – 07 apr 2019

Base fissa

Tre giorni a piedi nella Natura incontaminata e selvaggia dell’Argentario e del Parco della Maremma: dall’esclusiva Cala di Forno, la spiaggia che si raggiunge solo a piedi o in barca, dove daini e caprioli si avvicinano confacilità sull’arenile, all’isola protetta di Giannutri, Paradiso dell’avifauna, piccolissima e preziosa , area ZPS e SIC (Zona di Protezione Speciale e Sito di Importanza Comunitaria), non visitabile se non accompagnati da una Guida riconosciuta, dove i Domizi-Enobarbi, famiglia di origine di Nerone, hanno costruito nel II° secolo dC una villa di cui ancora sono visibili i resti. A darci il saluto finale la solitaria Torre di Capo d’Uomo, a picco sul mare dell’Argentario, ancora a guardia dell’arrivo dal mare di Pirati e Corsari come secoli fa.
Continua a leggere

Giannutri, l’isola della Luna

Una giornata lungo i sentieri dell’isola di Giannutri, la più meridionale dell’Arcipelago Toscano.
I greci la chiamavano “Artemisia”, i romani “Dianium”, in onore alla dea lunare Diana, ispirati dalla sua forma a falce lunare come il diadema della Dea.

Continua a leggere