Tra i mostri di Bomarzo, il Sacro Bosco

TRA I MOSTRI DI BOMARZO. VISITA ALLA SCOPERTA DEL SACRO BOSCO – LUN 2 GIUGNO | VEN 12 GIUGNO

Simmetria, ordine, eleganti giochi d’acqua, razionalità: quelli che sono gli elementi classici dei giardini italiani del Cinquecento qui vengono meno, lasciando il visitatore di ieri e di oggi spaesato e sorpreso.

Nel Sacro Bosco, ben lontano dalla perfezione dei giardini delle ville cinquecentesche, seguiamo un percorso (apparentemente) disordinato tra gigantesche sculture che raffigurano mostri e personaggi che sembrano usciti da un incubo.
Bocche spalancate che sembrano volerci inghiottire, la celebre casa pendente che mette in crisi il nostro equilibrio e ci fa dubitare della nostra sobrietà, elefanti, orche, orsi e draghi…

E ovunque sibilline iscrizioni in rima, endecasillabi che invece di sciogliere i mille enigmi ne creano altri. Come mai l’eccentrico principe di Bomarzo, Vicino Orsini, decise di investire i migliori anni della sua vita nella creazione di un posto così particolare e senza significato apparente?
Per scoprirlo dobbiamo intraprendere un viaggio iniziatico nel cuore del Rinascimento, che coinvolge filosofia e religione, letteratura e scienza unite in un percorso ermetico che tocca tutte le chiavi della vita umana, tra esoterismo, alchimia, eresie.

📅  Lun 1 giugno  | Prenotazione entro il 30 maggio
📅 Ven 12 giugno  | Prenotazione entro il 10 giugno
 Mezza giornata, ore 10.00 o 15.00
📍 Sacro Bosco – Bomarzo  (VT) | informazioni

🚶‍♀️ Gruppi piccolissimi, per tutti

📞  prenota ora chiedi info

📍informativa covid-19

Tra le fate del Bosco del Sasseto

Immaginate un bosco di quelli delle favole, dove le piante hanno gli occhi e osservano i visitatori che osano incamminarsi tra i loro tronchi, forse incuriosite dal loro muoversi su due gambe, forse troppo sagge per stupirsi.
Immaginate di essere voi, quei visitatori, di addentrarvi su sentieri tortuosi che zigzagano tra i massi ricoperti di muschi, attraversando la foresta immobile ma non certo silenziosa…
A ogni nostro passo un picchio, una ghiandaia dà l’allarme, e tutti gli innumerevoli abitanti di questa antica foresta si nascondono o si immobilizzano.
 

Cosa hanno da raccontarvi, questi vecchi tronchi nodosi?
Cosa vi sussurrano le fronde che stormiscono mosse da un vento impercettibile?
Certo, al camminatore distratto, potrà forse sembrare di essere in un luogo qualunque… Ma chi sa ancora emozionarsi di fronte alla bellezza sublime della natura, forse riuscirà a cogliere la scintilla di magia che anima questo luogo vetusto…


📅Sab 26 settembre | Prenotazione entro il 25 settembre
📅Gio 1 ottobre | Prenotazione entro il 28 settembre
📅Sab 17 ottobre | Prenotazione entro il 15 ottobre
📅Mer 21 ottobre | Prenotazione entro il 19 ottobre
📅Mer 11 novembre | Prenotazione entro il 9 novembre
📅Dom 22 novembre | Prenotazione entro il 20 novembre
📅Gio 26 novembre | Prenotazione entro il 24 novembre

Mezza giornata; ore 10:00

📍 Torre Alfina | Acquapendente (VT) | informazioni
🚶‍♀️ Gruppi piccolissimi, per tutti

📞  prenota ora chiedi info

📍informativa covid-19

Cinque mete per un’autunno indimenticabile!

Cinque escursioni per vivere un’autunno in natura. Ecco le migliori passeggiate per apprezzare questo magnifico territorio in tutti i suoi colori

Pitigliano e Vie Cave valle del Lente

Pitigliano e le vie cave

Molti di noi, lo so, sono ancora preda di crisi nostalgiche al solo pensiero di ombrellone e crema solare, ma sapete che vi diciamo? È arrivato il momento di reagire. E cosa può esserci di meglio, per dimenticare le vacanze, che godersi a pieno la stagione appena cominciata?

L’insediamento di Santa Cecilia

Vogliamo proporvi, con questo articolo, cinque ottimi motivi per scoprire l’autunno in tutti i suoi magnifici colori. Cinque passeggiate che vi faranno apprezzare il paesaggio e la storia del nostro territorio, cinque occasioni da vivere al meglio in autunno, quando la temperatura è più clemente e la natura si esprime in tutta la suggestività di cui le sue pennellate sono capaci. Continua a leggere