Tra pirati e corsari, i forti spagnoli di Porto Ercole

LUN 1 GIUGNO | DOM 7 GIUGNO

Oggi vogliamo accompagnarvi a scoprire un lato poco conosciuto dell’Argentario, nel borgo marinaro di Porto Ercole, che domina dall’alto il promontorio tra le barche eleganti di Cala Galera e il porticciolo turistico.


Una passeggiata breve che però, passo dopo passo, sembra trasportarci un un luogo altro: le rocce bianche di quella che un tempo era una delle isole dell’Arcipelago Toscano emergono tra la macchia bassa, fatta di rosmarini profumatissimi, di ginestra, lentisco…
Passo dopo passo conquistiamo un panorama che ci toglie il fiato, basta salire così poco per godere di una vista spettacolare a 360°: arriveremo fino alle mura di un’imponente fortezza seicentesca, così grande eppure quasi invisibile dal basso! Un’opera difensiva monumentale, in parte scavata nel duro granito dell’Argentario proprio per cogliere di sorpresa in caso di attacchi dal mare.
A cosa serviva una fortezza così imponente? Cosa c’era di così prezioso da difendere in questo piccolo lembo di terra?
Un piccolissimo stato, dipendente dalla Spagna al confine tra le potenze Toscana e Pontificia fondava la sua intera esistenza su questi forti.
Oggi sono proprietà private, ma possiamo esplorarli dall’esterno e goderci un luogo unico, dove il cielo, il mare, la terra si fondono, i profumi inebriano i sensi, il tempo sembra fermarsi

📅 Lun 1 giugno  | Prenotazione entro il 30 maggio
📅 Dom 7 giugno  | Prenotazione entro il 5 giugno
 Mezza giornata; ore 10:00 e ore 15.00

📍 Porto Ercole | Monte Argentario (GR) | informazioni
🚶‍♀️ Gruppi piccolissimi, per tutti

📞  prenota ora chiedi info

📍informativa covid-19

Trekking alla fortezza invisibile a guardia dell’Argentario

Trekking alla fortezza invisibile a guardia dell'Argentario

Un percorso immerso nella macchia mediterranea che ci porta fino al Forte del Pozzarello, assolutamente invisibile da ogni parte, costruito a guardia della costa dell’Argentario; un forte ancora quasi del tutto integro, che si sviluppa a diversi livelli nel sottosuolo e nasconde tracce degli strumenti utilizzati a difesa della roccaforte.

Affacciato sia su Porto Santo Stefano che sulla laguna di Orbetello, ci regala lungo il cammino tra le più belle vedute panoramiche di questo luogo straordinario. Il percorso passa anche per le “calette segrete” del promontorio, luogo perfetto per una sosta rigenerante!

📍 Porto Santo Stefano | Monte Argentario (GR)

🚶‍♀️ Gruppi piccolissimi, per tutti

📍informativa covid-19