Valentano, tra laghi e vulcani

Possiamo passare una mezza giornata a Valentano, visitando il Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese, o scendere con un trekking non impegnativo nella caldera di Latera.

Continua a leggere

Bisenzio, la città etrusca perduta e il suo colombario

Bisenzio, ci cui si conosce solo il nome latino (Visentium), fu un’antica città che sorgeva sul promontorio di Bisenzio, sulla sponda occidentale del lago.

Continua a leggere

La necropoli rupestre di Norchia

Norchia è la più spettacolare tra le necropoli etrusche. Il panorama di straordinaria bellezza che ci accoglie non è il solo aspetto a sorprenderci, ma la sua particolare struttura, poiché nei suoi scoscesi dirupi mani abili hanno saputo scolpire un intera città dei morti con sepolcri di grande bellezza.

Continua a leggere

La necropoli della Banditaccia di Cerveteri

Con una continutià d’uso che va dal IX secolo avanti Cristo alla dominazione romana, le necropoli di Cerveteri circondano il pianoro su cui sorge la città. Le migliaia di tombe, con le diverse tipologie, testimoniano l’evoluzione economica, culturale e religiosa dei Ceriti.

Continua a leggere

Grotte di Castro: Centocamere, Pianezze e il borgo medievale

A pochissimi passi dalla riva del lago di Bolsena, lungo la strada verdeggiante che serpeggia verso Grotte di Castro, si cela una delle più incredibili necropoli etrusche dell’Alta Tuscia. Centocamere il nome dice già molto delle numerose camere sepolcrali intersecate una nell’altra che ci aspettano per questa giornata di esplorazione.

Continua a leggere

Giannutri, l’isola della Luna

Una giornata lungo i sentieri dell’isola di Giannutri, la più meridionale dell’Arcipelago Toscano.
I greci la chiamavano “Artemisia”, i romani “Dianium”, in onore alla dea lunare Diana, ispirati dalla sua forma a falce lunare come il diadema della Dea.

Continua a leggere

Sentiero dei Briganti

I briganti sono figure a tutt’oggi ricche di ombre e ammantate dal mistero e dal mito. Il percorso segue le tracce dei più famosi fuorilegge della Maremma, addentrandosi tra selve inestricabili e piccoli borghi medievali.

Continua a leggere

All’estremo nord del Lazio: Riserva Naturale Monte Rufeno

La riserva naturale Monte Rufeno si estende per 2893 ettari in posizione nord-nordest, interamente nel territorio aquesiano: è un vero polmone verde, con moltissimi ambienti diversi e una biodiversità eccezionale e siti di protezione speciale al suo interno. Una ricca rete di sentieri permette di scoprire questa grande varietà.

Continua a leggere

Parco Naturalistico Archeologico di Turona

Sui colli a sud di Bolsena, in una posizione che domina le rive del lago, delimitato dal corso di due fossi a carattere perenne si trova il parco naturalistico archeologico di Turona.

Continua a leggere