Le chiesine campestri di Onano

Nei dintorni di Onano ci sono numerose chiesine campestri, costruite tra il 1400 e la fine del 1600. Piccole e graziose, alcune hanno al loro interno anche opere d’arte di un certo pregio. Si trovano sparpagliate per le campagne onanesi, al confine con la Toscana. Siamo andati a cercarle tutte!

La chiesa della Madonna della SS. Trinità.

La chiesina di Onano della Madonna della SS. Trinità.

La chiesa della Madonna della SS. Trinità.

Costruita nel 1668 mediante il contributo della Comunità di Onano e costata 80 scudi .
Veniva chiamata anche Chiesa dell’Acqua Santa, perché da sotto l’altare era scaturita una vena d’acqua alla quale venivano attribuiti molti miracoli e per cui considerata con molta devozione.
Nel giorno dell’Annunciazione il popolo aveva l’abitudine di visitarla per recitarvi la pratica delle “mille Ave Marie”.

La chiesina campestre della Madonna della Fontana o del Soccorso.

La chiesina campestre della Madonna della Fontana o del Soccorso.

La chiesina campestre della Madonna della Fontana o del Soccorso.

Questa si trova più vicino al paese, sotto le prime case (e l’abbiamo trovata per caso girovagando qua e là).
La chiesina della Madonna della Fontana fu costruita nel 1454 e arricchita con affreschi dell’epoca che, a causa delle continue ristrutturazioni sono andati persi quasi completamente (nei commenti metto quello che si vede dal vetro).

Sapete che invece nelle altre due chiesine sono visibili affreschi di Sano di Pietro e di Antonio del Massaro (il Pastura)? Due nomi di primissimo piano del primo Rinascimento, che ci possono dare un’idea dell’importanza che queste chiesine dovevano avere per la popolazione e i nobili che intervennero nella costruzione.

 la chiesina della Madonna del Piano

La chiesa della Madonna del Piano fu eretta nel 1493. Sì può osservare dalla strada che unisce Onano ad Acquapendente. Il portale è ornato on un ampio arco a tutto sesto, alleggerito da cornici e scanalature.
All’interno c’è un affresco, restaurato nel 1965 e attribuito ad Antonio del Massaro da Viterbo, detto il Pastura. Celeberrimo pittore del primo Rinascimento viterbese, allievo del Perugino.

la chiesina della Madonna del Piano, eretta nel 1493

la chiesa delle Grazie

Oggi la chiesa delle Grazie è la più antica ancora esistente a Onano. Osservando la complessa tessitura muraria, si può intuire che fu rimaneggiata almeno tre volte per rimediare a distruzioni di guerre, a lesioni date da movimenti sismici, al desiderio di renderla sempre più bella.

la chiesa delle Grazie

Leggi tutte le altre storie

Visita Onano con le nostre guide!

Cinque mete per un’autunno indimenticabile!

Cinque escursioni per vivere un’autunno in natura. Ecco le migliori passeggiate per apprezzare questo magnifico territorio in tutti i suoi colori

Pitigliano e Vie Cave valle del Lente

Pitigliano e le vie cave

Molti di noi, lo so, sono ancora preda di crisi nostalgiche al solo pensiero di ombrellone e crema solare, ma sapete che vi diciamo? È arrivato il momento di reagire. E cosa può esserci di meglio, per dimenticare le vacanze, che godersi a pieno la stagione appena cominciata?

L’insediamento di Santa Cecilia

Vogliamo proporvi, con questo articolo, cinque ottimi motivi per scoprire l’autunno in tutti i suoi magnifici colori. Cinque passeggiate che vi faranno apprezzare il paesaggio e la storia del nostro territorio, cinque occasioni da vivere al meglio in autunno, quando la temperatura è più clemente e la natura si esprime in tutta la suggestività di cui le sue pennellate sono capaci. Continua a leggere

La chiesa di Sant’Egidio a Cellere

Nel cuore della Tuscia, circondato dai boschi dell’alto viterbese legati in maniera indissolubile al fenomeno del brigantaggio, si trova un borgo sconosciuto ai più: Cellere.
Ma qui, appena fuori dal centro medievale, si può ammirare un piccolo gioello dell’arte rinascimentale, la chiesa di Sant’Egidio.
Progettata da uno dei più importanti e geniali architetti dell’epoca, Antonio da Sangallo il Giovane, con una pianta a croce greca, si staglia sul paesaggio rurale in cui si incastona perfettamente.
Una vera chicca inaspettata!