Il lago di Vico

trek dei laghi
L’Etruria meridionale è caratterizzata da una morfologia del suolo di tipo vulcanico. Uno tra i laghi più affascinanti dell’alto Lazio è il lago di Vico dove la biodiversità vegetale è tra le più elevate d’Italia.

Il lago, la cui origine vulcanica è evidente, secondo una leggenda narrata nel ciclo di affreschi del Palazzo Farnese di Caprarola, fu generato dalla clava che Ercole conficcò nel terreno per sfidare gli abitanti del luogo. In un contesto naturalistico d’altri tempi, impareremo a riconoscere anche le specie di uccelli acquatici che frequentano la zona, così da fornire ai partecipanti un quadro generale dei particolari legami esistenti tra le varie realtà ecosistemiche del Lago di Vico.

Nella Riserva Naturale Regionale del Lago di Vico, che si estende per circa 3200 ettari, sono presenti molteplici ambienti di grande interesse naturalistico, notevolmente diversificati seppur racchiusi in un territorio limitato: si passa dal bosco misto e i coltivi di nocciolo e castagno, al lago, la zona umida in località Pantanacce e il canneto che circonda lo specchio lacustre fino alla faggeta depressa del Monte Venere.

Prenota ora la tua escursione personalizzata

  • Antichi percorsi 

Percorreremo antiche mulattiere e la via Cassia medioevale nello scenario più bel lago del centro Italia, immersi tra faggi secolari e splendidi castagni.

Informazioni
StagioneSempre
Difficoltà Facile
Attrezzatura Scarpe con suola sagomata,  acqua, cappello, zaino
Durata mezza giornata
Contatti info@percorsietruschi.it +39.327.4570748 / +39.320.3149587
  •  Visita al Monte Venere


Monte Venere

Il Monte Venere è un piccolo cono vulcanico situato all’interno della caldera che ha dato origine al lago di Vico. Raggiunge un’altitudine di 851 metri s.l.m. e spicca di 341 m sul lago. Era originariamente un’isola nello specchio del lago, il livello delle cui acque fu abbassato tramite una mirabile opera di ingegneria dagli etruschi, che ricavarono così una vasta zona fertile.

Di particolare interesse è la faggeta depressa che si trova sul versante orientale del monte, a circa 530 metri s.l.m. e quindi molto al di sotto dell’altitudine abituale di queste piante.

Informazioni
StagioneSempre
Difficoltà FacileMedio 
Attrezzatura Scarpe con suola sagomata,  acqua, cappello, zaino
Durata tutto il giorno, pranzo al sacco oppure mezza giornata
Contatti info@percorsietruschi.it +39.327.4570748 / +39.320.3149587

Tutte le attività di di Percorsi Etruschi sono condotte da guide associate ad Aigae e iscritte al Registro Italiano delle Guide Ambientali Escursionistiche – professione svolta ai sensi della legge 4/2013.

This entry was posted in Visite guidate and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.