La necropoli della Banditaccia di Cerveteri

Gli Etruschi furono l’unica civiltà presente in Italia prima degli antichi Romani. Furono un popolo ricco, potente, abile, e scomparve solo quando Roma iniziò la sua lenta e inesorabile avanzata. Lasciarono poche testimonianze scritte, perlopiù legate all’ambito funerario, e pochi esempi di architettura civile. Gran parte di quello che sappiamo di loro l’abbiamo imparato dalle necropoli.

E la necropoli che meglio ci racconta l’evoluzione di questo popolo è la Necropoli della Banditaccia di Cerveteri. Utilizzata per quasi un millennio, riflette nelle sue innumerevoli e ricchissime tombe tutti i mutamenti che la civiltà Etrusca ha subito nel corso dei secoli.

Potremo immaginare un villaggio concentrato intorno alla figura di un principe che deteneva un enorme potere: e la sua tenda è rappresentata dai grandi tumuli, enormi,  e con corredi sfarzosi.

Potremo poi vedere come piano piano le differenze sociali si attenuano – come le tombe iniziano a diventare sempre più simili, fino ad arrivare a un momento di ricchezza distribuita e un potere in grado di organizzare la vita pubblica. Ecco le tombe a schiera, ortogonali, tutte identiche.

E poi altri cambiamenti, altre evoluzioni, influenze da mondi vicini. Una visita che non è solo una passeggiata a un sito archeologico unico nel suo genere, ma anche un viaggio nel tempo alla scoperta del popolo più ricco, colto ed elegante  della penisola italica.

Visita a Cerveteri
StagioneSempre
Difficoltà
Attrezzatura Scarpe con suola sagomata,  acqua, cappello, zaino
Durata tutto il giorno, pranzo al sacco oppure mezza giornata
Contatti info@percorsietruschi.it +39.327.4570748 / +39.320.3149587

Prenota ora la tua escursione personalizzata

Tutte le attività di di Percorsi Etruschi sono condotte da guide associate ad Aigae e iscritte al Registro Italiano delle Guide Ambientali Escursionistiche – professione svolta ai sensi della legge 4/2013.

This entry was posted in Visite guidate and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.