Civita di Bagnoregio. Perché la città che muore?

Civita di Bagnoregio nasce su uno sperone di tufo, come Orvieto e Pitigliano, generato dalle eruzioni del sistema vulcanico Volsino (quello che poi portò alla formazione del lago di Bolsena, che è il lago di origine vulcanica più grande d’Europa). Però il tufo qui è molto sottile, deposto su uno strato di argille marine, i calanchi.

L’insediamento si sviluppa fin dall’età del ferro (civiltà Villanoviana), per crescere in epoca Etrusca e Romana. Man mano che la città – posta su un’importante via commerciale che connetteva il lago di Bolsena e da lì il mar Tirreno alla valle del Tevere – si sviluppa, iniziano i primi problemi. Infatti l’uso del terreno per fini agricoli va a togliere la copertura arborea che proteggeva le argille calanchive. Da qui è un attimo: il ruscellamento delle acque meteoriche e dei due torrenti che scorrono intorno alla città scopre le argille creando valloni sempre più profondi…

Ma nonostante le numerose frane che iniziano a minare la stabilità dell’abitato, questo continua a crescere e arricchirsi. Diviene sede vescovile già nel VII sec e la sua fama aumenta per tutto il Medioevo e il Rinascimento. Finché il 10 giugno 1695 avviene la catastrofe: un forte terremoto colpisce l’Alta Tuscia, provocando danni ingenti ovunque, ma è qui che si hanno i danni peggiori. Il sottile lembo di terra che connetteva Civita alla terraferma frana, e con esso buona parte della città. Isolata dal resto della terra, soggetta a continui crolli causati da frane e terremoti, piano piano viene abbandonata. Le famiglie, così come gli uffici, le botteghe e le officine si trasferiscono a Rota, che prima era solo una frazione e diviene il nuovo centro politico, amministrativo, sociale. Civita, la città, inizia a morire.

Si è stimato che in alcuni punti il terreno si sia abbassato di circa 7 cm l’anno. All’inizio del secolo scorso si dota la città di una lunga passerella di legno, unica strada d’accesso, e solo negli anni ’60 si costruisce il ponte in cemento armato che ancora oggi è l’unica via che permette di arrivare al borgo.

Vale la pena percorrerlo almeno una volta: solo 9 persone sono residenti stabilmente a Civita di Bagnoregio, oggi, e il borgo è rimasto pressoché intatto, immune allo scorrere del tempo: se non fosse che molte delle vie cittadine invece di affacciare su piazze e palazzi affacciano direttamente sul vuoto.

Sapevate che molti film sono stati girati a Civita di Bagnoregio?

Per I due colonnelli (1962), regia di Steno con Totò protagonista, come luogo del film si scelse Civita di Bagnoregio.
È qui ambientato anche il quarto episodio (Il prete) del film Contestazione generale del 1971 con Alberto Sordi.
È qui ambientato lo sceneggiato televisivo Pinocchio di Alberto Sironi trasmesso su Rai 1 nel 2009.
È qui ambientato il film  Puoi baciare lo sposo di Alessandro Genovesi (2018)

 

Alberto Sordi a Civita di Bagnoregio in una scena del film Contestazione generale

Leggi tutte le storie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.