Anello del lago di Bolsena

Tre giorni alla scoperta del Lago di Bolsena sulle orme dei Santi e dei Briganti

Un percorso ad anello che in tre giorni ci porterà a scoprire panorami e scorci del lago vulcanico più grande d’Europa.

Il lago di Bolsena, formato dal collasso del complesso vulcanico volsino circa 370.000 anni fa, è uno specchio d’acqua dolce ricco di ambienti naturali e graziose cittadine che si affacciano sulle sue rive. Il lago ha un solo emissario, il fiume Marta, e nessun immissario di rilievo se non alcuni torrenti a carattere stagionale. L’ambiente è ricco di sorgenti, molte delle quali subacquee. L’acqua è pura e pulita, e ospita una grande varietà di pesci e anfibi. Sulle sue sponde trovano rifugio numerose specie di uccelli stanziali e migratori e piccoli mammiferi.
I paesi che vi si affacciano hanno una storia millenaria, qui sono stati infatti trovati molteplici insediamenti preistorici ed Etruschi. Nel Rinascimento il lago era considerato il gioiello dello stato pontificio, e qui i Papi solevano villeggiare. La Via Francigena costeggia il lato orientale del lago, facendo sì che pellegrini di tutte le epoche venissero a rinfrescarsi sulle sue acque lungo il tragitto che li portava a Roma.

L’anello del Lago di Bolsena è un percorso che, anche se con tappe di una certa lunghezza, è adatto a tutti purché si abbia una abitudine al cammino. L’itinerario è percorribile come trekking o come vacanza escursionistica cioè con ritorno ad una base fissa. 

anello del lago di bolsena

Prenota ora la tua escursione personalizzata

Informazioni
StagioneInvernoPrimaveraAutunno
Attrezzatura Scarpe da trekking, zaino minimo 50 litri, borraccia, abbigliamento adeguato.
Difficoltà Trekkingper l'intero Trekking

Programma di viaggio

  • 1° giorno: da Montefiascone a Capodimonte

capodimonte anello del lago di bolsenaDal colle Falisco, patria del vino Est! Est!! Est!!! con la superba vista aerea del lago inizieremo la discesa tra boschi e rocce all’ombra del cratere vulcanico. Lungo sentieri nascosti percorrendo le sponde su sterrate e stradine secondarie arrivando a Marta e poi a Capodimonte, piccoli gioielli medioevali che si affacciano sulle limpide acque.
DifficoltàFacile

  • 2° giorno: da Capodimonte a Bolsena

Bisenzio lago di bolsenaL’antico sito di Bisentium, arroccato sul promontorio che si affaccia sul lago fa scoprire spazi inusuali, poi il cammino prosegue tranquillo lungo le stradine che costeggiano il lago, spesso ricco di avifauna, tra oliveti e canneti. Si sale quindi sulla cinta craterica incontrando la Via Francigena che, tra ombrosi boschi, ci conduce a Bolsena, la città del miracolo del Corpus Domini. Il gioiello medioevale ci accoglie con tutta la sua antica bellezza.

Difficoltà:

  • 3° giorno: da Bolsena a Montefiascone

anello del lago Cammineremo come moderni “Brancaleone” sui basolati e sulle mulattiere percorse per secoli dalle genti italiche e dai pellegrini diretti verso la città eterna. I guadi dei ruscelli renderanno dinamico il cammino. Il panorama dall’alto del Lago ci farà scoprire la bellezza delle Isole Martana e Bisentina. Il cammino anche se in salita si svolge in maniera piacevole fino al ritorno verso Montefiascone, chiudendo così il giro del più grande lago vulcanico d’Europa.

DifficoltàFacile

 

This entry was posted in Cammini and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.