Una giornata a Cosa e alla Duna Feniglia

La storia nascosta: oltre ad essere una delle più celebri mete turistiche, il promontorio di Ansedonia cela le rovine della Colonia Romana di Cosa

Ansedonia oggi è una nota meta di villeggiatura per chi ama le spiagge dell’Argentario, la sabbia fine, il mare limpidissimo… Forse qualcuno conosce il suggestivo “Spacco della Regina”, una tagliata di epoca Romana probabilmente connesso al porto. Ma sapete che salendo sul promontorio, nascosto alla vista dalla schiera di bei villini moderni, c’è un vero e proprio gioiello?
Circondata da una cinta di mura megalitiche, accessibile attraverso un’imponente porta monumentale, giace la colonia romana di Cosa.
Fondata probabilmente nel III sec AC, per contrastare il commercio marittimo dell’ancora potente città Etrusca di Vulci, Cosa era un piccolo angolo di Roma in Maremma.

Con una passeggiata poco impegnativa è possibile osservare i resti del Forum e le botteghe forensi, Domus imponenti e botteghe, e salire fino al Capitolium da cui si gode una vista mozzafiato sull’ Argentario, unito dagli esili tomboli ad Orbetello.
Scendendo di nuovo sul mare, poi, la passeggiata prosegue lungo la Duna Feniglia,dove è possibile ammirare la pineta costiera praticamente intatta, un angolo di natura selvaggia a due passi dalle spiagge più vip della Maremma.
Che dite, venite con noi a scopire queste meraviglie?

Vieni a visitarlo con le nostre guide!

Puoi associare questa escursione alle Fortezze di Porto Ercole

Prenota ora la tua escursione personalizzata

This entry was posted in Blog, Storie, Turistica and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.