Posti in cui tornare appena possibile: l’Argentario

Oggi vogliamo raccontarvi un altro dei posti dove speriamo di tornare presto con voi.
Una passeggiata breve che però, passo dopo passo, sembra trasportarci un un luogo altro: le rocce bianche di quella che un tempo era una delle isole dell’Arcipelago Toscano emergono tra la macchia bassa, fatta di rosmarini profumatissimi, di ginestra, lentisco…
Passo dopo passo conquistiamo un panorama che ci toglie il fiato: a destra la parete quasi verticale della falesia, e Giannutri in lontananza. A Sinistra una discesa sempre scoscesa ma più digradante, in lontananza segni di civiltà: una strada, vigneti terrazzati. Di fronte a noi solo il mare e l’isola del Giglio Nei giorni limpidi l’inconfondibile profilo di Montecristo sembra emergere dalle acque, irta e spigolosa.
 

Avete capito dove siamo. E’ la torre di Capo d’Omo, una delle meraviglie dell’Argentario

Qui il cielo, il mare, la terra si fondono, i profumi inebriano i sensi, il tempo sembra fermarsi…
https://goo.gl/maps/tKm79W8y5KSjXYmN7
Questo articolo è stato pubblicato in blog da . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.