Percorsi Etruschi

Civita di Bagnoregio. Perché la città che muore?

Civita di Bagnoregio nasce su uno sperone di tufo, come Orvieto e Pitigliano, generato dalle eruzioni del sistema vulcanico Volsino (quello che poi portò alla formazione del lago di Bolsena, che è il lago di origine vulcanica più grande d’Europa). Però il tufo qui è molto sottile, deposto su uno strato di argille marine, i calanchi.

L’insediamento si sviluppa fin dall’età del ferro (civiltà Villanoviana), per crescere in epoca Etrusca e Romana. Man mano che la città – posta su un’importante via commerciale che connetteva il lago di Bolsena e da lì il mar Tirreno alla valle del Tevere – si sviluppa, iniziano i primi problemi. Infatti l’uso del terreno per fini agricoli va a togliere la copertura arborea che proteggeva le argille calanchive. Da qui è un attimo: il ruscellamento delle acque meteoriche e dei due torrenti che scorrono intorno alla città scopre le argille creando valloni sempre più profondi…


Ma nonostante le numerose frane che iniziano a minare la stabilità dell’abitato, questo continua a crescere e arricchirsi. Diviene sede vescovile già nel VII sec e la sua fama aumenta per tutto il Medioevo e il Rinascimento. Finché il 10 giugno 1695 avviene la catastrofe: un forte terremoto colpisce l’Alta Tuscia, provocando danni ingenti ovunque, ma è qui che si hanno i danni peggiori. Il sottile lembo di terra che connetteva Civita alla terraferma frana, e con esso buona parte della città. Isolata dal resto della terra, soggetta a continui crolli causati da frane e terremoti, piano piano viene abbandonata. Le famiglie, così come gli uffici, le botteghe e le officine si trasferiscono a Rota, che prima era solo una frazione e diviene il nuovo centro politico, amministrativo, sociale. Civita, la città, inizia a morire.

Si è stimato che in alcuni punti il terreno si sia abbassato di circa 7 cm l’anno. All’inizio del secolo scorso si dota la città di una lunga passerella di legno, unica strada d’accesso, e solo negli anni ’60 si costruisce il ponte in cemento armato che ancora oggi è l’unica via che permette di arrivare al borgo.

Vale la pena percorrerlo almeno una volta: solo 9 persone sono residenti stabilmente a Civita di Bagnoregio, oggi, e il borgo è rimasto pressoché intatto, immune allo scorrere del tempo: se non fosse che molte delle vie cittadine invece di affacciare su piazze e palazzi affacciano direttamente sul vuoto.

Sapevate che molti film sono stati girati a Civita di Bagnoregio?

Per I due colonnelli (1962), regia di Steno con Totò protagonista, come luogo del film si scelse Civita di Bagnoregio.
È qui ambientato anche il quarto episodio (Il prete) del film Contestazione generale del 1971 con Alberto Sordi.
È qui ambientato lo sceneggiato televisivo Pinocchio di Alberto Sironi trasmesso su Rai 1 nel 2009.

Alberto Sordi a Civita di Bagnoregio in una scena del film Contestazione generale

Vieni a visitarlo con le nostre guide!

Puoi associare questa escursione all‘escursione nella Valle dei Calanchi

Prenota ora la tua escursione personalizzata

Un pensiero su “Civita di Bagnoregio. Perché la città che muore?

  1. Pingback: Civita di Bagnoregio, la città e che muore - Percorsi Etruschi